lunedì 12 novembre 2012

storia di un corpo

mi sa che i vecchi amori vanno lasciati lì, senza disturbarli.
senza sporcarne il ricordo.
perchè non so più, dopo così tanti anni (almeno dieci forse anche quindici) se sono cambiati loro o se sono cambiata io.
ma la colpa non sta mai solo da un lato, no?
comunque, se non avessi dovuto scongiurare il divorzio chiudendomi nel silenzio, non l'avrei mai finito.
non in cinque giorni almeno.

ciao ciao pennac, anche a te.
e grazie per avermi angosciato con storie di vecchiaia e decadenza.

49 commenti:

  1. io dopo la saga della famiglia Malaussene - che ho amato - ma che avrei dovuto interrompere prima perchè "ultime notizie dalla famiglia" era già un po' tirato, non ho più preso in mano nulla, di Pennac.
    Ogni tanto mi capita, di smettere al momento giusto.

    RispondiElimina
  2. (e adesso finalmente mr.Ford sarà contento)

    RispondiElimina
  3. io non ne sono mai stata in grado, smetto sempre un attimo dopo.

    (lo faccio solo per lui, che avrei avuto voglia di cosine da 100 pagine)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cosine fa veramente schifo.
      scusami, non volevo.

      Elimina
    2. scusata tu, a prescindere. :)

      Elimina
  4. Così impari a non leggere Il pettirosso! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma hai visto qua a destra?
      :)

      Elimina
    2. Sì, sono molto fiero di te, V. Brava! :)

      Elimina
  5. Ho letto solo "Ecco la storia", mi sono fermato a quello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la saga della famiglia malaussène dovevi leggere.
      ma ti devo sempre dire tutto a te??

      Elimina
  6. non sono mai riuscito a leggere Pennac... non so perchè. Qualche tentativo... dopo poche pagine la resa. Sono un debole?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rido.
      alla resa dei conti sei un saggio.

      Elimina
  7. mi chiedevo se, magari, questa volta s'era ripreso.
    ecco.
    no.

    RispondiElimina
  8. non tutti i vecchi amori sono così
    non tutti
    molti deludono, dopo, a distanza di anni
    ma altri sono immensi, così immensi che ciclicamente tornano
    o almeno, a me capita così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dimmene uno, che a te.

      Elimina
    2. una stagione in inferno arthur rimbaud
      le città invisibili italo calvino
      on the road jack kerouac
      il trentesimo anno ingeborg bachmann
      l'invenzione della solitudine paul auster
      che ci faccio qui bruce chatwin
      atlante occidentale daniele del giudice
      q luther blisset
      le nozze di cadmo e armonia calasso
      tokio blues haruki murakami

      mi fermo? :-)

      Elimina
    3. è la seconda volta in assoluto che sento nominare del giudice. e la prima è stata dalla stessa persona che mi consiglió pennac e mi regalò un suo libro sul volo o qualcosa del genere. ricordo che mi piacque molto però.
      strana coincidenza che torni oggi, con pennac.
      comunque.
      ne ho letti solo tre, amandoli tutti e tre. gli altri li comprerò. e ti dirò.

      comunque no, non fermarti

      Elimina
    4. e come potrei, fermarmi, prima di averti?

      Elimina
  9. stesso discorso con Benni, paro paro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che infatti io abbandonai anni fa. e mai più riprenderò.
      non che non ne abbia sofferto, altro mio grande amore passato..

      Elimina
    2. non confondiamo la merda e la cioccolata per cortesia...

      Elimina
  10. Triste. Mi è passata la voglia di leggerlo. Ecco.

    RispondiElimina
  11. lo sfogliavo l'altro giorno in libreria. ho letto il finale e mi sono intristita. se poi tu dici che non val la pena, mi fido e passo ad altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo dico e lo ribadisco pure.
      non me vale la pena.

      Elimina
  12. e con il tuo e, compreso il mio, è il 4° post che leggo oggi in cui, in diversi modi si parla d'amore. Non ho letto nulla di Pennac, e sicuramente non comincerò da questo data la tua recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si parla sempre d'amore. anche quando non se ne parla.

      Elimina
  13. Detto che non sono gli amori che finiscono, ma noi che smettiamo d amare, io ho amato Pennac dalla Fata carabina in poi. Un grande maestro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma quindi questo l'hai letto o no?

      Elimina
    2. questo me lo sono perso, diciamo così

      Elimina
  14. Non so se lo fai apposta a sceglierti dei libri di merda, o c'è dietro una spiegazione misto masochistica-machiavellica.
    Pennac non se po. Eddai. E' come quel testa di cazzo di Svevo.
    S'impiccassero.
    (se mai dovessi entrare in una biblioteca con te, prendo frusta e manette.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sempre il solito. con la scusa della biblioteca poi...

      Elimina
    2. Io non ho bisogno di scuse.
      Culona.

      Elimina
    3. Chissà. A tre magari vinco qualcosa.

      Elimina
  15. un amore che io avevo abbandonato (ci tengo a precisare) stanotte si è ripresentato in sogno e stamattina c'ho un torcicollo che sembra m'abbiano stesa col crick...sarà un caso? bah!

    poco pennac, pochissimo benni, forse perché li ho incrociati già sul viale del tramonto. il loro!.

    fedele a vita solo a Simon de Beauvoir, Calvino, Saramago. sarà che sono tutti morti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Calvino mi annoia a morte.
      mi ami ancora??

      Elimina
    2. Sempre!
      (brava che me l'ha detto, un regalo una cosa....)

      Elimina
  16. Pennac l'ho letto anche io anni fa.
    Come Benni del resto.
    Li ho amati, tutti e due che poi s'assomigliano un sacco.
    Mi è capitato di riprenderli ma l'effetto che avevano col tempo è svanito.
    Li ho trovati carini ma un pò "semplici". Forse con l'età avevo bisogno di un pò più di "sostanza".
    Magari la soluzione è che alcune cose appartengono ad un dato periodo della vita e basta.
    Ho scritto alcune perchè poi, invece, ce ne sono altre che ritornano, si riaffacciano e t'accompagnano per sempre.
    Alta Fedeltà per esempio è la mia biografia non autorizzata, non mi stancherò mai di leggerlo.
    Tokyo Blues è la dose di malinconia di cui ciclicamente ho bisogno..
    Ce ne sono altri ma a te piacciono i post corti e io non voglio annoiarti.
    (eppoi me so rotto er cazzo de scrive)
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peró mi interessava!
      che se due tra i miei libri preferiti sono anche i tuoi, devo sapere gli altri!
      l'ho già detto che sei un uomo cattivo?

      Elimina
    2. tu mi lusinghi!
      7nteressa davvero ti ammollo qualche altro titolo a cui sono legato a doppio filo (a me poi le liste piacciono, i miei tratti ossessivi ne sono compiaciuti):
      1) Il signore delle mosche
      2) La versione di Barney
      3) Franny e Zooey
      4) Grandi Speranze
      5) Molto forte, incredibilmente vicino
      6) L'urlo e il furore
      7) Mattatoio n°5
      8) Ragazzi di vita
      9) Il giovane Holden
      10) Il signore degli anelli

      abbasta no?
      Ciao donna

      Elimina
    3. un giorno o l'altro chiederò a tutti di fare una lista dei loro dischi preferiti.
      Poi sfoltirò

      Elimina
    4. Oh. Il Signore delle mosche...

      Elimina
    5. ne ho letti sei su dieci.
      e mi sono piaciuti tutti e sei (otto, se contiamo 3 il signore degli anelli. che a dirla tutta mi è piaciuto molto, e senza nessun buon motivo. chè è un genere che odio, ma.)

      Elimina
  17. Di Pennac ho letto solo Diario di scuola. Più saggio che romanzo. Penso che se l'avessi letto ai tempi della scuola mi sarebbe piaciuto di più.
    La saga di Malaussène la devo leggere. :D

    RispondiElimina