mercoledì 16 gennaio 2013

della muffa

oggi mi è venuto in mente di quella volta che ho lasciato un avanzo di pasta alla genovese in frigo per quasi tre mesi. l'aveva preparata la mia mamma, chè tornavo da un mese in messico e allora lei mi fa il pranzetto con genovese e mozzarella e parmigiana di melanzane.
solo che ne avanza un po', e allora metto la pentola in frigo. e poi dormita, fuso orario, e lavoro e ancora fuso orario e ciao genovese.
chè a quei tempi il frigo mica si apriva spesso, sempre a cena fuori o in giro o a lavoro o.
poi una sera mentre parlo con degli amici all'improvviso mi vedo la pentola avanti agli occhi, lì in basso sull'ultimo ripiano.
torno a casa, e timorosa apro il frigo. e la pentola.
delusione e sollievo, niente vermi e bestie strane. un po' di muffa e ciao.
e niente. butto pasta e pentola.

la morale di tutta questa storia è che il cibo in frigo non crea mostri, neanche dopo tre mesi e con una quantità di cipolla in grado di uccidere qualsiasi essere umano in buona salute.

ciao

29 commenti:

  1. In frigo no, chiaro... prova a dimenticarti il secchiello dell'umido per qualche giorno... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è compito mio quello. non più.

      Elimina
  2. io invece sono una terrorizzata da muffe & company, indi tendo a non voler nulla di morto in giro per il frigo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma allora la morale non l'hai letta??
      in frigo non si muore. mai.
      :)

      Elimina
  3. Io piango sulla genovese versata
    R.I.P. :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che poi, sapessi che bontà la genovese di mia mamma....

      Elimina
  4. io una volta ho comperato pomodori all'eurospin di guardiagrele. era fine maggio. ne ho dimenticati alcuni nel portabagagli della macchina. me ne sono accorto il 7 luglio e non si erano nemmeno ammollati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ci sono più i pomodori di una volta mi sa...

      Elimina
  5. un'odore strano che viene dal frigo non ti uccide, però ti paralizza il terrore che una cosuccia dimenticata da "solo poche settimane" abbia infettato tutto il resto... per sempre :)

    RispondiElimina
  6. la lasciavi nel forno e ti sarebbe arrivata a piedi in camera da letto!

    RispondiElimina
  7. Un giorno farai un post su com'era la tua vita prima che aspettassi con trepidazione per nove mesi una cosa che quando arriva vorresti essere un uomo.

    Anzi ora che ci penso sarebbe anche più doloroso partorire dal culo o dal pene, quindi no, forse preferiresti essere un'ape, che si riproduce per partenogenesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda che partorire è un'esperienza bellissima!
      .
      .
      .
      ahahahahahahahahahahahahahahah

      Elimina
    2. Credo che l'uomo per sua natura sia leggermente più attratto da quello che entra nella vagina, piuttosto a quello che ne esce. Per questo inorridisce.
      Ma cosi: a spanne eh.

      Elimina
  8. PROVA A DIRLO A MI MADRE, V!
    Sigh.

    RispondiElimina
  9. Ah, sì? Sei sicura?

    Prova a scordarti un dado da brodo mezzo aperto, nel frigo e poi mi dici!

    (secondo me l'inferno ha quell'odore lì)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma non li usa più nessuno i dadi!

      Elimina
    2. Essì mo siamo tutti carlocracco! Devi immaginarti me, trentaduenne, solo, a Milano...

      ...hey, MA CHE PENSIERI FAI?!!!

      Elimina
  10. a me a volte succede di dimenticarmi il contenitore del pasto in ufficio..

    per la serie "ho visto cose che voi umani.."

    http://nonsidicepiacere.blogspot.it/

    RispondiElimina
  11. come, hai buttato la pentola???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mea culpa. non ho avuto il coraggio di pulirla.

      Elimina
  12. io prima di partire per il perù ho chiuso bene le finestre, il rubinetto centrale dell'acqua e... la luce. click. dopo 22 giorni sono tornato, mentre inserivo la chiave nella toppa mi è venuto in mente quell'ultimo gesto. sono entrato ed avevo ricreato un microuniverso nel mio frigorifero. il ragù in freezer era finito nella vaschetta delle verdure in frigo, dove c'era già il brodo di verdure ad aspettarlo. la carne si stava buttando via da sola: si muoveva lentamente verso il cestino. c'era una puzza che non so per quale motivo nessuno aveva chiamato i pompieri. e niente, ho buttato ragù, verdura e frigorifero.
    la morale di tutta questa storia è: meglio una gallina oggi che partecipare e perdere, perché tanto va la gatta al lardo che i topi ballano con la figlia del dottore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ho fatto anch'io. carne nel freezer e contatore spento.
      la puzza di cadavere si sentiva dalle scale, e anch'io mi sono stupita di non trovare la porta forzata.
      ho vomitato per ore.
      il frigo però non l'ho buttato.

      Elimina
  13. la morale è sempre quella: fai merenda con girella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la girella fa molto anni 80. esiste ancora??

      Elimina
    2. da un paio d'anni direi.

      (molto più 70 che 80, però)

      Elimina