domenica 29 settembre 2013

e l'eco rispose

ecco cosa è successo con questo libro.

che lo comincio a leggere in ebook.
mi divoro 100 pagine in due giorni
mi piace abbastanza, ma mentre sono a pagina 108 si scarica il lettore.
cerco il cavo per metterlo in carica, non lo trovo da nessuna parte.
metto sotto sopra la casa.
maledico la tecnologia.
non lo trovo proprio.
lo ordino su amazon, incazzata nera.
e comincio a leggere un altro libro.
niente male tra l'altro.
ci metto quindici giorni.
nel frattempo arriva il cavetto. lo stesso giorno in cui l'altro, l'originale, torna dalla sua fuga sotto il divano.
caricato l'ebook finisco il libro della spagnola e riprendo, scettica per l'interruzione, con l'eco.
hosseini con i suoi mille nomi e mille facce.
e in un giorno, ieri, ho finito le oltre 200 pagine che mi mancavano.

come al solito non mi delude, anche se lo temevo fortemente.
come al solito l'ho amato, nonostante mi abbia angosciato e intristito e commosso.

come al solito, vorrei essere lui.

18 commenti:

  1. finito "fai bei sogni" lo terrò in considerazione!

    RispondiElimina
  2. È in coda...
    Non so quando arriverá l suo turno, non ho mai tempo e quando ne ho dormo.
    E mi dispiace.

    RispondiElimina
  3. ce l'ho fatta.
    non era facile, anzi. ho dovuto studiare, stavolta.
    il problema vero è "quando" agire.
    ho dovuto studiare i gusti della tizia, ho dovuto capire i suoi tempi e le sue abitudini: innanzitutto doveva essere un libro che le piacesse, per cui lei avesse qualche aspettativa ma NON il libro della vita.
    perché se fosse stato il libro della vita avrei rischiato grosso, ad esempio che lei (che chiameremo v.) gettasse il lettore alle ortiche per tornarsene per sempre tra la polvere della carta.
    se invece il libro fosse stato poco interessante v. avrebbe semplicemente fatto quello che tutte le persone fanno, mi avrebbe cercato con calma e trovato.
    e quando ho visto il titolo ho capito subito che era la mia occasione, quella buona, o la va o la spacca.
    ho studiato i suoi gusti per mesi, ho interrogato il lettore a fondo ogni volta che mi collegava, ho passato interi cicli di carica vagliando i passaggi e le tracce digitali del passaggio delle dita sullo schermo.
    e quando finalmente è arrivato il giorno mi sono nascosto, bene, dietro ad un mobile, in apnea. e ho aspettato.
    è stato magico. il momento in cui ho capito che ci ero riuscito, che la mia compagna era arrivata, mi sono spostato sotto al divano in un posto facile facile, in modo che v. ci riponesse nel medesimo cassetto.
    ed ora siamo insieme. ho una compagna.
    gli umani non sanno riconoscere un cavo maschio da un cavo femmina, ma tant'è, non è un problema.
    la cosa strana é come non si interroghino sul fatto che, pur riponendoci ben avvolti, ogni volta che ci cercano ci trovano attorcigliati e avvinghiati l'uno all'altra.
    sarà un lungo inverno.
    stupendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Red riesce in poche righe a farmi capire quante sono TANTE RIGHE.

      Elimina
    2. mica poi così poche.
      mica poi così TANTE.
      anzi a dire il vero direi proprio nessuna.
      è colpa tua, Vale, che a volte mi metti lì uno spunto. e io parto, come un bambino sulla nutella.
      e poi mi ritrovo con tutta la faccia e le mani sporche di parole.
      vabbé vado a lavarmi, qui qualcuno pulirà.

      Elimina
    3. che poi col cazzo che li metto nello stesso cassetto a quei due....

      Elimina
    4. merda.
      chi ha parlato?
      chi?
      non avevo contemplato l'omicidio.
      prima.
      del resto si sa che gran parte degli incidenti avvengono in casa. le gente non ci mette un cazzo a farsi male, tipo strangolandosi con i cavetti. devo solo capire chi ha parlato. chi sarebbe questo red? dove sta? legge? ha un e-reader? interessante..

      Elimina
    5. sei un lettore da lettore, tu?

      Elimina
  4. Vale guardati "Sacro GRA." Così o diventi come me, ma con l'organo sessuale bello tra le gambe, oppure vai in terapia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non so come sei tu ma sto pensando seria di andare in terapia dopo "sacro gra". ah ma la terapia la faccio io, ecco appunto.

      Elimina
    2. oppure divento come te e vado in terapia da edp.

      (b. ti sognai stanotte. ti dirò di là)

      Elimina
    3. No mi dirai subito. Sennò ti scordi. Sennò mi incazzo.

      Elimina
  5. Io ho pianto alla fine. Tanto. Vabbè io sono strana.
    Alcuni dicono che non è bello come i precedenti però secondo me è all'altezza.
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche secondo me.
      senza piangere però, che io ho una reputazione.
      :)

      Elimina