lunedì 28 maggio 2012

piccolo-spazio-pubblicità


non faccio pubblicità a niente sul mio blog.
chè è il mio spazio, il mio diario, il mio svago.
chè è i miei ricordi.
ma stavolta.
lo devo troppo dire.
chè mica è pubblicità poi.





save the children ha fatto uno spot terribile.
che dura forse due minuti. ma ti sembrano due ore da quanto ti fa a brandelli.
bambini messi male male. 
che da quando sono mamma non li voglio vedere. non lo voglio sapere.
chè non è giusto che il vandalo vada girando con le converse (fighissime eh) e quel bimbo là non possa mangiare.
non lo è.
e allora io non cambierò il mondo, ma magari posso fare una cosa piccola piccola.
la pubblicità parlava di una donazione mensile di nove euro, centesimo più centesimo meno.
che io sono di quelle che non apre neanche l'estratto conto. tanto.
e allora sono andata sul sito.
e non l'ho trovata 'sta cosa qua.
e allora ho chiamato il numero verde.
e un tipo supergentile mi ha spiegato tutto.
e sono davvero nove eurini al mese, centesimo più centesimo meno.
che loro ci comprano queste barrette superenergetiche superproteiche superfighe.
e decine di vaccini.
e zanzariere.
e giocattoli.
e nove euro al mese sono tipo trenta centesimi al giorno.
tipo 2 caffè a settimana.
tipo un cinema al mese.
tipo un vodka tonic in un locale molto figo.
tipo una manicure al dibi center.
tipo un quarto di concerto di battiato.
tipo un decimo di una pulizia dei denti.
ok la smetto.
ma spero di avervi fatto sentire molto in colpa.

e se li prendono direttamente dal conto corrente. e se come me non lo apri neanche.
non te ne accorgi.

ma io li avrei dati comunque, anche se me ne accorgevo.

fatelo fatelo fatelo. se potete. o ditelo ditelo ditelo a tutti.
mi fareste sentire molto meglio.

23 commenti:

  1. Bel post.
    Ma per il "non è giusto", hai sbagliato, città, specie, continente e unverso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chè mica si può sempre cazzeggiare?
      o si?

      p.s.: bella donna tua madre.....

      Elimina
    2. Solo un difetto: ha espulso me.

      Elimina
    3. pensa che io sono talmente stalker che mi sono fatta tutto un film in testa e ho immaginato pure che l'altro fosse tuo padre. dovrei farmi una vita.

      (scusa v., sono OT rispetto al post)

      Elimina
    4. mi sono persa. mo' chi è l'altro??

      Elimina
  2. E non è comparso il mio commento cazzo
    Allora volevo dirti che io ho lavorato per più anni in questo settore e non è tutto oro quel che luccica,soprattutto quando parliamo di fondazioni e/o associazioni molto grandi
    Però una cosa voglio dirla: c'è gente che si fa davvero il culo e che cerca di fare tutto quello che può in quest'ambito,non tutto arriva a destinazione come puoi immaginare,ma per quei pochi che rischiano davvero sappi che il tuo aiuto conta moltissimo anche se sei una sola persona.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo immagino.
      ma se anche quel poco serve....
      io da quando è nato il vandalo a natale gli regalo una donazione. chè giocattoli ne ha a strafottere.
      e niente. mi fa stare bene.
      anche se vorrei che associazioni così non dovessero esistere.

      Elimina
    2. Sì,servono.
      Mi ricordo quando lavoravo in associazione onlus che ogni giorno da qui era una battaglia assieme a "quelli che stanno li".
      Ogni giorno c'era un'emergenza e c'era la disperazione.
      E ogni cazzo di giorno che dio ci mandava in terra per ogni persona che ci mandava anche solo 5 euro era un sospiro di sollievo e un ringraziamento mandato veramente col cuore da parte di tutto lo staff.
      Sì,serve,nonostante tutto,nonostante le macchine macina soldi, la politica e tutto quello che c'è nel mezzo,tra te e quei bambini: SI',SERVE.SERVE MALEDETTAMENTE.
      :)

      Elimina
  3. quando penso a questi bambini, alle loro famiglie, al loro paese penso sempre che "noi occidentali" li stiamo massacrando. perchè ogni volta che noi cresciamo loro si indeboliscono. quando potrò farlo (alias quando avrò il mio conto corrente) io adotterò un bambino... mi piacerebbe portarmelo a casa mia ma non credo si possa fare, quindi lo farò a distanza.
    Nel mio piccolo quando vado a fare la spesa lascio sempre qualcosa alla signora che chiede l'elemosina li vicino. Certo, non è una bambina, e non vive in africa ma quando mi vede entrare mi regala sempre un sorriso e all'uscita mi dice: "che Dio ti protegga" e poi sorrido io perchè mi domando come fa nella sua condizione ad avere la forza di crederci e di chiedergli di proteggermi. io nella sua condizione avrei già perso la fede e la speranza.
    mi sono dilungata, chiedo perdono.

    RispondiElimina
  4. ma che bel post.. anche originale.. questo è un momento in cui anche noi facciamo fatica a tirare avanti, certo è che pochi euro non ci mandano in rovina e magari rendiamo un bambino più felice e sopratutto sano. Grazie mille per le parole scritte.. a presto, Valerie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te per i complimenti.

      Elimina
  5. questa non è pubblicità. questo è smuovere le coscienze. E sappi che con me ci sei riuscita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che poi era proprio quello che volevo.
      anche una sola persona.
      grazie bri

      Elimina
  6. Ciao.. lascia stare che ho un blog fuori dalle righe. Tu non guardarlo. Leggi quello che ho da dirti. Mi piace molto leggere iniziative così sui blog. E' una gran cosa. Però conosco l'ambiente e molto spesso delle donazioni arriva solo una piccola parte. Tieni conto anche che di bambini messi molto male ce ne sono tanti anche in Italia. E lo dico non perchè un bimbo italiano valga di più di uno straniero. Assolutamente! Lo dico perchè spesso si pensa di dover andare lontano per trovare la disperazione. Invece non è così. Io che in queste cose ci sono in mezzo molto spesso lo so bene. Però qualsiasi iniziativa di questo genere è bella da leggere su un blog. Ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao.
      ognuno è libero di fare quello che gli pare, a casa sua come nel suo blog, quindi non me ne frega niente di quello che ci fai. prima cosa.
      come ho detto più sopra ad ella, immagino che non tutto vada dove deve andare, ma mi piace pensare che una piccola parte sia già qualcosa.seconda cosa.
      poi, non è un discorso di maggiore o minore disperazione. è la mancanza delle cose più elementari che mi turba. in africa quindi più che in italia. è pensare che si muoia per un raffreddore. o di malnutrizione nel 2012. o perchè non c'è acqua. e pensare che per quelle cose lì posso fare qualcosa. farei qualcoa anche per le donne maltrattate, per i bambini malati o per gli anziani abbandonati. ma non posso.
      comunque il blog è soprattutto condivisione, quindi mi andava di condividere con voi il mio malessere. e il mio benessere al pensiero che ho fatto una cosa buona.
      tutto qua.
      ah, benvenuta sara.

      Elimina
  7. Subito dopo il terremoto di Haiti abbiamo adottato una bambina che ha due anni più del mio grande e le sue letterine, i suoi disegni e le sue pagelle ce la fanno sentire un po' più vicina di quanto non sia.
    Ieri ho deciso invece di iscrivermi all'AIDO.
    Ma non mi sembra mai abbastanza.
    E'ora di fare un pensierino anche a Save The Children.
    Grazie per avermici fatto pensare.
    ;)
    m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la verità è che non E' mai abbastanza.
      facciamo quel che possiamo, no?
      grazie a te per averci pensato.
      un abbraccio

      Elimina
  8. Questi spot sono fatti apposta x sporcarti la coscenza con le converse di tuo figlio e lavartela via con 9 euro al mese...
    Faccio la pubblicitaria. E non faccio donazioni.
    Conosci una più stronza????

    no è che preferisco dare direttamente, tutto qui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è che ognuno fa' come meglio crede. e può.
      secondo me l'importante è fare. e non ignorarle certe storie.

      Elimina
  9. Al nostro matrimonio niente cristalleria da buttare nel vetro come bomboniere. Abbiamo dato i nostri soldi ad Emergency e noi abbiamo regalato una candelina al profumo di cannella. Temevamo che i nostri soldini fossero pochi per così tanti problemi allora gli abbiamo spedito mio cognato, in Sudan. Ad operare.

    Io ci tengo. Perchè in Sudan, a dare dirattamente in prima persona NON CI POSSO ANDARE. Ma so che i miei soldi aiutano quelli che sono nelle condizioni di andarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bello il cognato bomboniera....
      no davvero, è bello pensare di poter aiutare quelli che davvero fanno cose concrete. oltre che chi ha bisogno.
      e comunque la bomboniera solidale è una figata. che tanto quella vera la vuole solo la madre della sposa....

      Elimina